Mer. Dic 1st, 2021

Bovalino è viva e lo è ancora di più quando a scendere in campo sono i bambini!. La loro vitalità, espressa in questi giorni dai ragazzi del Grest 2018, ha contagiato anche i grandi che con grande amore e partecipazione hanno affiancato i più piccoli in tutte le loro attività: giochi, canti, balli, attività manuali e gli immancabili momenti di preghiera.

Ricordiamo che la parola Grest significa, letteralmente, “GRuppo ESTivo” ed è la “versione” estiva dell’oratorio dedicata generalmente ai più piccoli. Si, perchè il Grest è parte dell’oratorio che durante l’estate non va in vacanza, ma esce all’aperto nelle piazze e nei parchi di tutte le nostre Parrocchie. Il Grest si svolge all’inizio dell’estate e coinvolge i bambini delle elementari che si ritrovano a giocare, ballare, danzare, ridere, pregare, cantare mangiare… condividendo un’esperienza significativa di vita e amicizia insieme a Gesù. Ma tutto questo però non sarebbe possibile se non ci fossero gli animatori!

Il Grest 2018 si è svolto nel periodo 9-15 luglio per i bambini 6-12 anni e si è realizzato grazie al contributo fattivo dell’Amministrazione comunale, della Pro Loco e della Parrocchia San Nicola di Bari; temi oggetto del Grest sono stati: il teatro, la cucina, la fotografia ed il riciclo creativo. E’ stata una settimana ricca, intensa e magica allo stesso tempo, una settimana che ha innalzato l’asticella della solidarietà e dell’amicizia che a Bovalino è stata sempre ad un livello alto, il risultato è stato possibile grazie al lavoro sinergico di tutte le componenti scese in campo: istituzioni, associazioni, parrocchia, animatori e genitori, che hanno affiancato i ragazzi mettendoli nelle condizioni di vivere in assoluta spensieratezza momenti che rimarranno sicuramente custoditi, in maniera indelebile, nel loro cuore e nella loro memoria.

Domenica c’è stato il gran finale con la “Festa della Famiglia”. Giovanni Ruffo,  animatore del grest  ha postato sul proprio profilo facebok: “A modo nostro, anche noi abbiamo infuocato la piazza con i nostri sorrisi, la nostra voglia di divertirci, la nostra sana competizione ed il nostro immancabile spirito di condivisione. Grazie agli splendidi bambini per quello che hanno trasmesso ed insegnato, ma soprattutto per aver riempito di bellezza il nostro paese, con i colori dell’entusiasmo e della spontaneità!”. 

Infine, un grazie particolare va rivolto a Don Luigi, Parroco della parrocchia di San Nicola di Bariche ha voluto presenziare alle numerose attività dispensando in ogni occasione parole di affetto, amore, solidarietà e vicinanza a Gesù. A Don Luigi anche un sentito grazie da parte degli animatori e dai genitori per aver consentito ai ragazzi di espletare le loro attività all’interno dell’oratorio e del suo cortile interno. In conclusione possiamo ben dire che è stata una settimana magica, una settimana che ha “illuminato” non solo i piccoli ma l’intera comunità bovalinese che ha bisogno, dopo momenti bui, di riscoprire non solo valori sociali e civili ma soprattutto religiosi, perché vivere nella luce del Signore è il miglior viatico per proseguire in un cammino di fede, di speranza e di prosperità.

http://www.calabriainforma.com

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.