ROCCELLA, SI CERCANO ANCORA TRE PEDINE

289

Due difensori e un esterno destro

In attesa, nella prima e ufficiale uscita stagionale di vedere all’opera il team amaranto nel primo turno della Coppa Italia di Serie D, oggi il Roccella di mister Giampà inizierà la terza settimana di preparazione precampionato. Con due sedute giornaliere fino a venerdì prossimo, il riconfermato trainer  catanzarese sottoporrà ancora i suoi atleti ad un’altra settimana di duro lavoro fisico e tattico. Dalla prossima settimana, invece, i cosiddetti “carichi” cominceranno ad essere più leggeri in modo da smaltire il pesante lavoro fisico. Sul fronte dell’organico la società del presidente Maurizio Misiti, grazie anche alla consulenza offerta da Graziano Ursino, responsabile dell’area scouting del Crotone Calcio nonché figlio di Giuseppe Ursino, storico ds della società pitagorica, sta facendo di tutto per soddisfare le richieste avanzate da Giampà. Dopo le conferme di atleti del calibro di Scuffia, Cordova, Strumbo, Malerba, Voltasio, Gattabria, Riitano, Filippone, Catalano, Faella, Tassone e gli arrivi del portiere, ex Troina, Spano e del centrocampista ghanese, ex Pro Vercelli e Juve Stabia, Osci, in riva allo Jonio sono approdati in questi  ultimi giorni altri due giovani: Emanuele Solazzo, classe 1999, attaccante, ex primavera dell’Avellino  e Andrea Santoro, classe 2000, ex attaccante del Troina. Entro la fine della settimana, comunque, Giampà, in attesa di una possibile riconferma dell’esperto difensore Dicuonzo (si sta allenando col Roccella anche se ancora non ha firmato), spera di avere a disposizione almeno 3 giocatori: due  difensori, di cui uno fuoriquota e un esterno destro. Entro, quindi, il 20 agosto massimo la “rosa” del Roccella, per quanto riguarda la stagione calcistica 2018-2019, dovrebbe essere al completo.

Sul fronte societario, infine, i massimi componenti del team ionico stanno cercando, muovendosi a 360 gradi, di assicurare, fino al termine del campionato,  una “tranquillità economica “ al club (servono, come l’anno scorso, almeno 250 mila euro). Uno, comunque, degli interrogativi da chiarire è capire quanto costerà anche quest’anno, la gestione del settore giovanile.

ANTONELLO LUPIS (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.