CORONAVIRUS: BOSS MAFIOSO SCARCERATO CON AMNISTIA IN TURCHIA

288

Vicino agli ex lupi grigi nazionalisti ora alleati di Erdogan

C’è anche un noto boss della criminalità organizzata turca vicino agli ex lupi grigi tra i beneficiari della maxi-amnistia per 90 mila detenuti approvata in Turchia per contrastare la diffusione del coronavirus nelle carceri. Alaattin Cakici, 67 anni, in prigione dal 2004, è stato tra i primi a essere scarcerati ieri sera. Alla guida di un impero criminale, condannato anche per aver ordinato l’omicidio dell’ex moglie davanti al loro figlio, l’uomo vanta stretti legami con il leader del partito nazionalista Mhp, Devlet Bahceli, che in Parlamento sostiene l’Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan e da tempo premeva per un’amnistia. Bahceli lo aveva anche visitato in prigione lo scorso anno, sostenendo che Cakici andava rilasciato perché aveva “combattuto per la nazione” come collaboratore dei servizi segreti.
   

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.