CORONAVIRUS. L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: “IN CALABRIA L’ETÀ MEDIANA DEI CASI È DI 56 ANNI”

266

Nel giorno in cui è scattato il lockdown informativo, con lo stop del direttore generale del dipartimento regionale Antonio Belcastro ai bollettini “autonomi” di Asp ed aziende ospedaliere, arriva l’aggiornamento dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) della sorveglianza attiva sul contagio da Covid-19.

Nell’appendice regionale del massimo istituto scientifico sui sanitari, i casi analizzati non sono perfettamente in linea con l’unico bollettino ufficiale rimasto: quello della Regione. Quest’ultimo fa segnare 833 casi totali, mentre quelli elaborati dall’Iss hanno qualche giorno di ritardo. Hanno comunque una buona copertura sono 687 “infezioni” censite con 40 decessi. L’età mediana dei casi calabresi calcolata dall’istituto è di 56 anni, quella nazionale (su 65.990 casi) è superiore, pari a 62 anni. I casi calabresi rappresentano lo 0,6% rispetto al totale registrato nel resto del paese.

La suddivisione per coorte anagrafiche dei dati calabresi è la seguente: 13 casi (0-9 anni); 25 (10-19 anni); 59 (20-29 anni); 55 (30-39 anni); 115 (40-49 anni); 125 (50-59 anni); 138 (60-69 anni); 73 (70-79 anni); 63 (80-89 anni); 19 (over 90 anni) e 2 non noti. (g.r.)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.