CAULONIA: “IL VOSTRO GRIDO D’ALLARME È ANCHE IL MIO”. LETTERA DEL SINDACO CATERINA BELCASTRO ALL’ARCICONFRATERNITA DELL’IMMACOLATA E PER CONOSCENZA AL PREFETTO

171

È una situazione gravissima che perdura da oltre vent’anni, quella di via maietta, a Caulonia Superiore, dove la rupe, dove insiste il centro abitato, gradualmente e inesorabilmente, ha cominciato a cedere e ad assottigliarsi, col rischio di far crollare civili abitazioni e, anche, la meravigliosa chiesa, in stile barocco, dell’Immacolata, fra le più belle al mondo. Una situazione per la quale, in passato, sono stati spesi tanti soldi, per interventi di messa in sicurezza, che, però, si sono rivelati del tutto inutili. Nel 2018, l’attuale sindaco, l’avvocato Caterina Belcastro, è riuscita a ottenere un finanziamento di oltre un milione di euro, per la salvaguardia di una parte del centro storico fra i più belli e preziosi della Calabria. E proprio la prima cittadina cauloniese si è attivata per sollecitare un intervento risolutivo, rispondendo alle sollecitazioni che giungono da più parti. Analizzando la situazione si può ben comprendere che già da decenni si sarebbe dovuti intervenire in modo concreto, allo scopo di evitare di giungere alla situazione attuale, per niente facile. Ora la progettazione è già pronta e si attende solo l’avvio, che dipende non da volontà politica ma dalla farraginosa burocrazia italiana. Se questa non verrà riformata, una volta per tutte, le problematiche varie della società non potranno mai essere affrontate, in modo tempestivo e risolutivo, da nessuno. Si ha notizia che già a inizio ottobre, il sindaco Belcastro aveva scritto ALL’ARCICONFRATERNITA DELL’IMMACOLATA E DELLE ANIME DEL PURGATORIO e, per conoscenza, al Prefetto, in merito alla delicata questione.

Il Sindaco di Caulonia, Caterina Belcastro


Il Sindaco Caterina Belcastro


Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.