Dom. Apr 14th, 2024

Ci risiamo: arriva l’estate, le temperature si elevano e si ripropongono gli stessi scenari “di fuoco” che costringono i Vigili del Fuoco a sopperire alle carenze della propria amministrazione.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Oltre 70 gli incendi a cui ieri, 25 luglio, le squadre dei Vigili del Fuoco reggine hanno dovuto far fronte, mentre già stamattina, dalle prime luci dell’alba è entrata in azione la flotta aerea per continuare il lavoro di ieri.

Una vera e propria emergenza che, a nostro parere, è stata sottovalutata. L’organico sempre più carente accentua ancora di più la sensazione di impotenza degli uomini, costretti a lavorare in condizioni disastrose.

A denunciarlo è Giuseppe Fraschini, segretario provinciale della UILPA Vigili del Fuoco di Reggio Calabria.  

La situazione è davvero critica e lo confermano i numeri;

Tutte le sedi sono sotto organico e l’amministrazione centrale, interpellata per tempo dalla nostra organizzazione sindacale ha fatto orecchie da mercante. Tutto ciò – prosegue Fraschini – a discapito dei lavoratori che devono far fronte non solo alla questione incendi boschivi, ma anche a tutti quegli interventi di soccorso tecnico urgente che si presentano nella quotidianità.

Carenze ataviche accentuate dai pensionamenti che superano le 1000 unità all’anno e “sopperite egregiamente”, secondo l’amministrazione centrale, da bandi di concorso che non superano le 300 unità. Come si risolve la questione a livello locale? Con il gioco delle pedine spostate di qua e di là per evitare la chiusura delle sedi distaccate.

Gli incendi di questi giorni sta generando turni raddoppiati o addirittura triplicati senza una cognizione ben precisa e senza una emergenza dichiarata. Non è possibile affrontare un numero così elevato di incendi e di emergenze con il supporto di due sole squadre provenienti dal Lazio e dalla Campania. In questo momento è obbligatorio e necessario dichiarare lo stato di emergenza e mettere in moto la macchina dei soccorsi, così da dare aiuto alla popolazione in difficoltà e permettere ai lavoratori dei Vigili del Fuoco di lavorare in sicurezza.

Basta pacche sulle spalle e medaglie alla memoria – conclude Fraschini – adesso è il momento di “onorare” i Vigili del Fuoco con interventi strutturali sia sull’organico che sul contratto già scaduto da ben due anni.

Fabio Maragucci

Responsabile Ufficio Stampa

UILPA di Reggio Calabria

Print Friendly, PDF & Email