Ven. Feb 23rd, 2024

Ancora teatro di alta qualità al Liceo Scientifico Zaleuco di Locri, guidato dalla Dirigente Carmela Rita Serafino, che nelle giornate del 26 e 27 Gennaio, nell’ Aula Magna della scuola, ha visto le varie classi succedersi, per assistere allo spettacolo “Il Mare non bagna il Sud” con Enzo de Liguoro e sua figlia Alessandra. L’ intento è stato quello di condurre i ragazzi nell’ idea di “Shoah”, nel significato di “ distruzione”, che non è solo quella perpetrata nei confronti degli Ebrei, durante la seconda guerra mondiale, ma anche quella incarnata nella quotidianità, attraverso tanti eventi che sono avvenuti e avvengono, ancora, nel nostro Sud, come è stato sottolineato dallo stesso de Liguoro: “Lo spettacolo ‘Il Mare non bagna il Sud’, inteso come sud del mondo, vuole approfondire, in modalità teatrale, l’ uso della parola ‘distruzione’ nel nostro tempo, che può essere riferita, ad esempio, alla cattiva informazione, all’ inquinamento ambientale, ma soprattutto alla guerra e  al non fare memoria. Nei giovani si vuole seminare una riflessione ad ampio raggio di questo: ben venga la memoria, che fa da punto di riferimento, ma accanto a questo si deve riflettere sui perché di ciò che è accaduto ed evitare che non avvenga più. Quindi, non solo storia, non solo racconti, come scambio di idee, ma anche discussioni su possibili soluzioni”. Lo spettacolo ha visto de Liguoro prestare le sue capacità recitative, per dare vita a personaggi – chiave, legati a diverse situazioni, calate nella realtà del Sud, paradiso, ricco di storia e civiltà, ma che continua a subire tante “distruzioni”, a cui ancora non si è trovato un modo di evitarle. Il tutto ricamato dalla straordinaria voce a cappella della figlia Alessandra. Si è iniziato con il personaggio dell’Interratore, che attraverso un monologo, in perfetto stile romanesco, ha sottolineato ciò che può causare la mala informazione, come la stampa può falsare le notizie, innescando un’escalation distruttiva nei confronti delle persone, oggetto di notizia. A seguire, il personaggio di Amedeo, estrapolato dall’ opera di Eduardo De Filippo “Napoli Milionaria”, che ha messo in evidenza come tante famiglie del Sud, durante la seconda guerra mondiale, vivevano di espedienti. Ma questo, spesso, li portava, loro malgrado, a distruggere il fulcro stesso della famiglia, costruito sull’ unità, il rispetto, la collaborazione, perché vittime della prepotenza militare, anche se vincente. E, poi, Anna Maria Ortese, dalla voce di Alessandra De Liguoro. Fu una scrittrice, autrice, nel 1953, della raccolta di novelle “ Il Mare non bagna Napoli”, caratterizzata da un pervasivo senso di disperazione e di rovina, rievocando le difficili condizioni della Napoli dell’ immediato dopoguerra. E che dire del pentito di giustizia, con lo pseudonimo di “Sandokan” che, attraverso una ipotetica intervista, ha confessato, con diabolico orgoglio, le varie posizioni, in terra di Calabria, dove sono stati sepolti contenitori di scorie radioattive, negli anni ottanta e novanta. Un polveriera, che potrebbe scatenare una vera “distruzione” ambientale. Nel momento, poi, di dare voce al personaggio di Armando, superstite nel campo di concentramento di Mauthausen, de Liguoro ha preferito raccontare la sua storia e la sua esperienza da deportato, di come portasse la sua testimonianza nelle scuole e di come facesse da guida alle persone che andavano a visitare il campo. Venuto a mancare poco tempo fa, è stato dedicato a lui lo spettacolo. Ed infine, sulla “distruzione”, portata dalla guerra, un antico riferimento, risalente alla guerra di Troia: Ettore, l’eroe troiano, che cercò una soluzione al conflitto, parlandone con il fratello. Insomma, un lavoro teatrale, ben fatto e curato, che ha saputo coinvolgere i ragazzi presenti, facendoli immergere nella realtà della “Shoah”, declinata in varie epoche, con diverse facce, con diversi intenti, ma tutti con lo scopo di “distruggere” e non di costruire il Sud, in cui il mare sembra sfiorarlo delicatamente, ma che, da un momento all’ altro, potrebbe ingoiarlo in maniera catastrofica, senza ritorno, se non si corre ai ripari attraverso una soluzione decisa e risolutiva. Si potrebbe iniziare non permettendo ai talenti e alle eccellenze di essere sradicati dalla propria terra, per essere impiantati al Nord, a portare quella linfa culturale, che finirebbe, solamente, a muovere gli ingranaggi delle grandi multinazionali, per un ulteriore profitto, lasciando il meridione, sempre più, al Sud del mondo. “Il problema del Sud non è la mancanza di risorse. Il problema è proprio l’opposto: ci sono troppe risorse, mal distribuite, che non vengono utilizzate per fini di sviluppo, a beneficio della collettività, ma per gli interessi di pochi” (Sergio Rizzo)

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

IL COMITATO PER LA COMUNICAZIONE DELLO ZALEUCO

Print Friendly, PDF & Email