Dom. Apr 21st, 2024

Il sindacato supporta lo Sciopero indetto da Cgil Fillea e Feneal Uil, Fiom Cgil e Uilm Calabria sulla sicurezza sui luoghi di lavoro

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Lo Spi Cgil Calabria si unisce e sostiene pienamente lo Sciopero nazionale indetto per oggi da Cgil Fillea e Feneal Uil, Fiom Cgil e Uilm Calabria sulla questione della sicurezza nei luoghi di lavoro. Secondo il segretario generale dello Spi Cgil Calabria, Carmelo Gullì, le morti sul lavoro hanno un mandante chiaro: lo Stato. “La vita dei lavoratori è troppo spesso considerata di poco valore rispetto ai facili profitti di imprenditori senza scrupoli che, sfruttando le leggi lax del Paese, mettono a repentaglio la sicurezza e la formazione”, afferma.

“Gli investimenti necessari per garantire la sicurezza nei cantieri e nei luoghi di lavoro sono imprescindibili. Fare affari a spese della sicurezza dei lavoratori è un vero e proprio crimine. Lo Spi Calabria è sempre stato e sarà sempre al fianco dei lavoratori che lottano per i propri diritti”, aggiunge il segretario.

Gullì sottolinea anche il dolore e il rimpianto che accompagnano ogni tragica notizia di lavoratori che perdono la vita o rimangono vittime di incidenti sul lavoro. “Il lavoro non è solo un diritto, ma è anche dignità. E la dignità passa inevitabilmente attraverso il diritto alla salute e alla sicurezza sul posto di lavoro. Senza questo, non possiamo parlare di lavoro dignitoso”, chiarisce.

“Confidiamo che lo sciopero di oggi riceva un forte sostegno e che Governo e datori di lavoro rispondano con maggiore senso di responsabilità, apportando modifiche alle normative che, anziché tutelare la sicurezza, spesso la mettono ulteriormente a rischio”, conclude Gullì.

Print Friendly, PDF & Email