Mer. Apr 17th, 2024

Difficoltà nella formazione delle liste elettorali: chi si candida e chi si ritira. La Lega alla ricerca di un imprenditore, mentre nel Partito Democratico (Pd) non si trova alcun volontario per la candidatura

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Archiviata la pausa pasquale, ora si entra nel vivo della competizione in vista delle elezioni europee dell’8 e 9 giugno. Tutti i partiti sono alle prese con la selezione dei possibili candidati per il seggio a Bruxelles, ma le situazioni di partenza sono molto diverse.

Movimento 5 Stelle (M5S) sembra essere in affanno. Il dossier dei candidati di “richiamo” da presentare come capolista è saldamente nelle mani di Giuseppe Conte. La democrazia elettronica che ha caratterizzato il MoVimento sembra ormai archiviata. L’ex presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, è stato designato come capolista nella circoscrizione Sud, mentre Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi e simbolo antimafia, guiderà la lista nella circoscrizione Isole.

Il Partito Democratico (Pd) ha problemi opposti. La segretaria Elly Schlein rischia di creare un tappo per gli uscenti, poiché i capilista saranno tutti della società civile. La giornalista Lucia Annunziata sarà la numero uno in lista nella circoscrizione Sud, seguita dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, e proprio dalla segretaria Schlein.

Per quanto riguarda la Calabria, è difficile che spunteranno candidati locali. Le Europee da qui sono proibitive dal punto di vista demografico: la Calabria ha solo 1,8 milioni di abitanti, mentre la sola provincia di Napoli ne conta quasi tre milioni. È dai tempi di Mario Pirillo che il partito non elegge un europarlamentare calabrese. In breve, non c’è proprio la fila a candidarsi

Print Friendly, PDF & Email