Mar. Giu 18th, 2024

Il sindaco di Premariacco: “Sono ore decisive”. Bloccati su uno scoglio, i tre giovani sono stati trascinati ieri dall’onda di piena all’arrivo sul posto delle prime squadre di soccorritori che li stavano per raggiungere. Chi sono i 20enni inghiottiti dal fiume

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

E’ stato rilevato il segnale di un telefono di uno dei tre ragazzi dispersi per il maltempo da ieri nel fiume Natisone, a Premariacco, in provincia di Udine. Le ricerche da parte dei Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Carabinieri, andate avanti per tutta la notte, si stanno ora concentrando in quella zona.

Le ricerche dei tre ragazzi sono riprese all’alba, ma sono continuate per tutta la notte le operazioni dei vigili del fuoco: effettuate ricognizioni aeree con droni sulle aree di ricerca e operazioni a terra da personale del Corpo nazionale esperto in soccorsi fluviali. Al momento il dispositivo di soccorso messo in campo dal Corpo nazionale conta 40 tra specialisti sommozzatori, soccorritori fluviali giunti da tutti i Comandi della regione, dronisti, topografi, team speleo e l’elicottero del reparto volo di Venezia. Istituita una Unità di Comando Locale (UCL) sul posto per il coordinamento dell’intervento.

”Imponente lo schieramento di mezzi che dalle prime luci dell’alba stanno setacciato la forra di Premariacco in direzione Paderno”, comunica in un post il sindaco Premariacco Michele De Sabata, postando la foto dei mezzi dei Vigili del Fuoco. ”Durante la notte hanno sospeso in un punto le ricerche in attesa di potersi calare o risalire dal fiume. Sono ore decisive”.

Cosa è successo

I tre ragazzi sono dispersi dalle 13.30 di ieri. Bloccati su uno scoglio, i tre sono stati trascinati dall’onda di piena all’arrivo sul posto delle prime squadre di soccorritori che li stavano per raggiungere. Alle ricerche hanno partecipato anche l’elicottero del servizio sanitario regionale e i tecnici della stazione di Udine del Soccorso Alpino. Intorno alle 15.30 di ieri due operatori sono stati imbarcati sull’elicottero della Protezione civile per sopralluoghi lungo il fiume dall’alto, mentre alle 16.30 è stata richiesta la disponibilità di altri due tecnici per eventuale imbarco sul secondo elicottero dell’elisoccorso regionale in caso di operazioni di recupero con il verricello.

Chi sono i tre 20enni dispersi

“Non ci sono al momento notizie dei tre ragazzi dispersi a Campoformido in Friuli dopo esser stati travolti dalla piena del torrente Natisone”, scrive intanto il governatore veneto Luca Zaia su Facebook, rivelando i nomi dei tre 20enni dispersi.

“I tre giovani sono Patrizia Cormos, 20 anni, al secondo anno dell’Accademia di Belle Arti di Udine, Bianca Doros, 23 anni, arrivata pochi giorni fa dalla Romania per far visita ai genitori, e un loro amico 25enne, originario della Romania e residente in Austria. La speranza di trovarli vivi – scrive – è sempre rimasta accesa. Seguiamo le ricerche – continuate per tutta la notte – con apprensione, nell’attesa di una buona notizia”.

Print Friendly, PDF & Email