Sab. Giu 22nd, 2024

“Disposta a dare una mano con spirito di servizio”, ha detto la segretaria Dem

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Elly Schlein è la capolista Pd alle elezioni europee nelle circoscrizioni del Centro e delle Isole. Il responsabile organizzazione Igor Taruffi ha sottoposto alla Direzione le liste dem in cui sono confermati come capilista Cecilia Strada nel nord est, Stefano Bonaccini nel nord ovest e Lucia Annunzia al Sud.

“Sono disposta a dare una mano con spirito di servizio, per una spinta a questa meravigliosa squadra e a un progetto collettivo di cambiamento del Pd e del Paese. Io poi sarò qui nel confronto quotidiano nel Parlamento con Giorgia Meloni e le sue scelte scellerate contro l’Italia”, ha detto Schlein alla Direzione del Pd, sottolineando che nelle liste dei democratici ci sono “apertura, esperienza, innovazione, militanza, accoglienza, personalità indipendenti. Sono liste bellissime, molto forti”.

La famiglia socialista è “l’unico argine effettivo alla destra nazionalista in tutta Europa”, ha detto Schlein. “Non si chiuda la finestra del cambiamento che abbiamo contribuito ad aprire in questa ultima legislatura”, ha detto tra l’altro la segretaria dem sottolineando l’importanza di “una netta affermazione della famiglia socialista”.

La segretaria Dem ha poi assicurato che “continueremo a lavorare per tessere con altre forze alleanze. Questa ostinazione di metterci al servizio di una prospettiva più alta non deve mai essere interpretata come remissività o buonismo, non porgere l’altra guancia, ma senso di responsabilità”.

Tre no a nome Schlein nel simbolo

Sono stati tre i no nella segreteria del Pd alla proposta di inserire il nome di Elly Schlein nel simbolo del Pd alle europee. A quanto si apprende, si sono detti contrari Peppe Provenzano, Marco Sarracino e Debora Serracchiani. “Alle europee si vota il Pd, non il segretario. Il nome nel simbolo è stato inserito solo una volta, alle politiche con Veltroni. Anche con Bersani e Renzi una proposta del genere è stata bocciata”, è la riflessione che a quanto si apprendere è stata fatta sulla questione.

Print Friendly, PDF & Email