Gio. Giu 20th, 2024

Cerimonia di consegna del moderno scanner “X Ray” per supportare il corridoio umanitario e garantire la sicurezza alimentare nella Striscia di Gaza

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nell’ambito del progetto internazionale “Food For Gaza”, promosso dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, si è svolta stamattina una cerimonia significativa al porto di Gioia Tauro. L’evento ha visto la consegna di uno scanner mobile “X Ray”, di proprietà dell’Autorità di Sistema Portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio, alla presenza del ministro plenipotenziario Andrea Mazzella e dell’ambasciatore italiano presso la FAO, Bruno Archi.

Il veicolo “X Ray Scanner”, destinato a essere trasportato al porto di Larnaca a Cipro tramite una nave della compagnia Grimaldi, sarà fondamentale per le attività di verifica dei beni nell’hub logistico europeo. Questo hub è stato istituito per garantire l’operatività di un corridoio umanitario via mare, facilitando l’accesso degli aiuti alimentari nella Striscia di Gaza.

Durante l’incontro, Andrea Agostinelli, presidente dell’Autorità di Sistema dei Mari Tirreno meridionale e Ionio, ha sottolineato l’importanza strategica del porto di Gioia Tauro, che continua a registrare ottime performance nonostante le difficoltà internazionali e le restrizioni imposte dalla direttiva europea ETS. Agostinelli ha espresso con orgoglio le avanzate caratteristiche tecnologiche dello scanner mobile, che sarà cruciale per i controlli necessari nelle operazioni di trasporto degli aiuti umanitari.

Questa iniziativa rappresenta un ulteriore passo nell’assistenza italiana dalla crisi in Medio Oriente, con il porto di Gioia Tauro in prima linea nel sostegno all’intervento internazionale per la sicurezza alimentare della popolazione di Gaza.

Print Friendly, PDF & Email