Lun. Giu 17th, 2024

Stessa domenica, destini diversi, tensioni palpabili.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

E’ il riassunto di una domenica folle nel girone I di Serie D che, ancora una volta, ci insegna quanto questo campionato e questo girone, stesso, non siano mai scontati.

Il Locri, dopo aver perso nettamente nel match interno contro il Licata, si riscatta prontamente e passeggia nel match esterno contro la Gioiese ed imponendosi con un secco e perentorio 3-0.

Decisive le reti di Marsico (doppietta) e Pappalardo.

Il San Luca di Renato Mancini passa in vantaggio, 1-0, al “Corrado Alvaro”, contro l’Acireale grazie alla rete su rigore di Antonio Pelle, gioca un buon match, può impensierire maggiormente l’Acireale stesso ma viene ripreso, al minuto 95, su rigore da Zuppel.

Un rigore folle, inesistente ed inventato che penalizza, in maniera scellerata , a squadra aspromontana che avrebbe meritato, francamente, i 3 punti.

La gara si chiude, inoltre, con due espulsi e mille polemiche dotate da un finale incandescente e dalla tensione palpabile per un risultato che sarebbe stato importante e fondamentale per le economie matematiche del campionato ai fini del raggiungimento di un ottimale piazzamento play-out o addirittura di una possibile salvezza diretta.

Print Friendly, PDF & Email