Mar. Giu 25th, 2024
prefetto

Il prefetto pronto al nuovo incarico a Palermo sottolinea gli importanti risultati a Reggio e Roccella nel salvataggio e l’accoglienza negli sbarchi

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Irisultati dell’attività di salvataggio e accoglienza dei migranti sono stati al centro delle dichiarazioni all’Ansa del prefetto Massimo Mariani, che oggi lascia la guida dell’Ufficio territoriale di governo di Reggio per trasferirsi con lo stesso incarico a Palermo. “el corso dei quattro anni e mezzo che ho trascorso a Reggio Calabria – ha detto Mariani – il sistema di soccorso che abbiamo predisposto ha consentito di salvare migliaia di migranti, grazie all’apporto eccezionale della Guardia di finanza e della Guardia costiera”.

Ha funzionato molto bene, secondo il prefetto, il sistema di accoglienza grazie all’aiuto fornito dai Comuni, e in particolare da quello di Roccella Ionica, dove ci sono stati molteplici sbarchi, e grazie anche alle organizzazioni di volontariato. Ha continuato Mariani “Tutte le componenti del sistema hanno funzionato molto bene. Ha dato i suoi frutti la forma di accoglienza diffusa che abbiamo adottato e per l’attuazione della quale si sono rivelati fondamentali la disponibilità e l’apporto delle amministrazioni locali, con le quali sono riuscito ad instaurare un rapporto di proficua collaborazione”.
   Nella sua conversazione con l’Ansa Mariani ha anche parlato del suo trasferimento a Palermo: “E’ una sfida importante e mi predispongo al mio nuovo ruolo con la consapevolezza, in primo luogo, dell’onore che mi è stato concesso dal Governo, che ha inteso affidarmi questo importante incarico. Desidero, dunque, ringraziare il governo ed il ministro Piantedosi per avere riposto la loro fiducia nella mia persona”.
    “Per quanto mi riguarda – ha detto ancora Massimo Mariani – vado a Palermo con grande entusiasmo e con la voglia di immergermi pienamente, come ho sempre fatto peraltro nei miei precedenti incarichi, nella realtà di quella terra. Farò di tutto per dare il mio contributo anche a quel territorio. Avverto pienamente il peso del dovere che incombe sulla mia persona. Cercherò di essere degno della fiducia che mi è stata accordata. Spero di farcela. Anche nel mio nuovo incarico – ha concluso il prefetto – mi impegnerò al massimo, come ho sempre fatto da quando sono nell’amministrazione dell’Interno. E, soprattutto, lo farò con molta passione, che, tutto sommato, è la cosa più importante”.  

Print Friendly, PDF & Email