Lun. Giu 17th, 2024

Il nosocomio non incluso nel decreto di riordino della rete. Accuse contro il presidente: ‘Ha venduto la Calabria e i calabresi

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow


Il Comitato spontaneo a tutela della salute, fondato due anni fa da Marisa Valensise, Francesco Trimarchi, Marcello Cordiano e Francesco Nasso, si prepara per una battaglia decisiva mentre si avvicina la grande manifestazione popolare del 4 maggio, dedicata alla difesa dell’ospedale “Santa Maria degli Ungheresi” e della sanità pubblica nella Piana.

In una dichiarazione carica di determinazione, il Comitato esprime profonda preoccupazione per il futuro della sanità nel territorio. La mancanza di attenzione verso l’unico ospedale della vasta area della Piana, quello di Polistena, si è concretizzata nel decreto di riordino della rete ospedaliera, che non contempla nemmeno l’ombra dell’ospedale di Polistena, ma addirittura sembra prevederne la cancellazione.

Secondo il Comitato, ciò che sta accadendo è “veramente vergognoso”. Si parla di una sorta di commedia, con il presidente Roberto Occhiuto nel ruolo principale e la collaborazione della dottoressa Lucia Di Furia, nominata da lui. I veri protagonisti di questa vicenda, però, sono i cittadini del territorio, considerati vittime predestinate di questa situazione. Il Comitato li invita a non arrendersi e a lottare con determinazione per difendere i propri diritti e il futuro della sanità nella loro area.

Print Friendly, PDF & Email