Sab. Giu 22nd, 2024

Sandro Stilo, Membro del Clan Bruno, Torna in Libertà dopo la Decisione del Tribunale del Riesame di Catanzaro

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow


Dopo una serie di sviluppi giudiziari, Sandro Stilo di Squillace, coinvolto nell’inchiesta della DDA denominata Scolacium, è stato rilasciato dalla misura cautelare in carcere. Questa inchiesta mira a indagare sull’operatività delle cosche di ‘ndrangheta in diverse aree della provincia di Catanzaro, comprese Vallefiorita, Amaroni, Palermiti, Squillace, Roccelletta di Borgia, Girifalco, e nelle zone industriali di San Floro e Germaneto.

Il Tribunale del Riesame ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati difensori Salvatore Staiano, Helenio Cartaginese e Livio Muscatiello, revocando così la misura cautelare che pendeva sul capo dell’indagato. Stilo è stato coinvolto in quest’indagine per presunta partecipazione a un’associazione di tipo mafioso e per danneggiamento a fini estorsivi. Secondo le accuse, il clan Bruno, al quale Stilo è legato, avrebbe influenzato significativamente i risultati elettorali, infiltrandosi nell’amministrazione comunale di Squillace. Si sostiene che Stilo abbia minacciato un assessore e, in due occasioni, il sindaco stesso.

Stilo, secondo l’accusa, avrebbe anche condizionato le attività dell’amministrazione comunale per favorire i suoi interessi economici e quelli della cosca. Le accuse si estendono anche al suo ruolo nel negare il consenso elettorale a coloro che non si allineavano con i suoi interessi, dimostrando così una presunta influenza su aspetti cruciali della vita politica locale.

Print Friendly, PDF & Email