CITTANOVESE, QUAL’E LA TUA VERA IDENTITA ?

265

Contro la Sancataldese i giallorossi i giallorossi devono tornare a fare punti

Ripartire subito, certo. Ma in che modo ? La Cittanovese, reduce dal brusco stop di  Barcellona Pozzo di Gotto, è un cantiere in fermento. In vista c’è la gara interna contro la Sancataldese e la priorità è, evidentemente, la ricerca di un nuovo equilibrio mentale e tattico.

I quattro gol incassati malamente domenica scorsa hanno cristallizzato un bagaglio da disfare il prima possibile, anche perché la classifica inizia a farsi complicata e l’esigenza di raggranellare punti pressa da ogni angolo del blocco costruito da mister Domenico Zito. Perdere fa parte del gioco, ovviamente, ma a volte è il percorso che conduce alla sconfitta ad assumere un significato più rilevante. Ed è proprio il “modo” con cui l’Igea Virtus si è imposta sui giallorossi a non andare giù. Troppo molle l’attacco, eccessivamente permeabile la difesa, incredibilmente larghe le maglie del centrocampo.

Complessivamente, la prova vista al “D’Alcontres” è da archiviare tutta. Senza se e senza ma. Inutile girarci intorno. La Cittanovese deve far vedere ben altre cose per rendere davvero credibile il cammino verso la salvezza. Se la vittoria contro la Vibonese ha nascosto il mosaico nella sua interezza, adesso è giunto il tempo di guardarsi allo specchio senza filtri. La squadra c’è è all’altezza della sfida. Ancora vanno oliati alcuni meccanismi, senza dubbio, ma l’organico non può essere un alibi da sbandierare a lungo. Il tecnico è di grande qualità e non si discute.

Allora quale è il problema ? Mille e nessuno. Di sicuro, però, è più che urgente definire l’identità della nuova Cittanovese. Lasciandosi alle spalle quello che è stato e affondando il carattere nella mentalità della categoria interregionale. Serrare i ranghi ed assumersi responsabilità. Prendere consapevolezza del gruppo e del progetto. Crescere insieme, secondo un percorso preciso. L’avvio di stagione giallorosso è stato sommato positivo, ma quello è il passato. Ripartire immediatamente è, anzi tutto, un fattore mentale. E non è rinviabile. Domenica con la Sancataldese serviranno 3 punti, da conquistare con l’identità, la concentrazione e voglia di scrivere una nuova importante pagina di calcio cittanovese.

(fonte quotidiano del sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.