Serie B | Il Crotone cade a La Spezia: festa salvezza rimandata

214

Sconfitta esterna per il Crotone che paga alcuni errori e soprattutto si scontra con la maggiore determinazione dei padroni di casa.

Manca un solo punto per festeggiare l’ambito traguardo della salvezza per gli squali che, in questo penultimo turno del campionato di Serie B, salgono in Liguria per affrontare lo Spezia. La squadra di Pasquale Marino – dal canto suo – è in piena lotta play-off e sarà dunque molto determinata ad ottenere l’intera posta in palio. Due squadre che non speculano sul risultato e che potrebbero dunque dare vita ad una gara gradevole. L’allenatore spezzino perde Okereke nella rifinitura pertanto schiera Da Cruz dall’inizio, il tecnico pitagorico invece presenta Firenze mezzala destra e Molina esterno.
Pronti via è il Crotone a rendersi pericoloso con un tiro – cross di Marchizza che sorprende Lamanna il quale è costretto a rifugiarsi in corner. Al 12′ risponde lo Spezia con un’azione insistita di Gyamsi che però viene ribattuto dal limite.

La gara non viene giocata su altissimi livelli, anche a causa dell’alta temperatura accusata dai 22 in campo. Il pallino del gioco è comunque dei pitagorici che provano a sviluppare il gioco sulle fasce, soprattutto sulla destra dove un ispirato Molina al 22′ mette dentro un cross interessante non ricevuto però da alcun compagno.
Poi, alla prima vera chance, passa lo Spezia: azione in velocità sulla corsia di sinistra, Galabinov  esce dalle maglie della difesa,allarga su Augello e va a ricevere il cross in area piccola. La difesa rossoblu lo lascia colpevolmente solo ed il bulgaro di testa realizza la rete del vantaggio al 25′.

Ne deriva una fase di gioco di marca spezzina con mister Stroppa – tra l’altro ex di turno – non molto contento dell’apporto dei suoi. Per rivedere infatti gli ospiti in proiezione offensiva, bisogna attendere il 38′ e cioè il minuto in cui, dopo una buona combinazione con Zanellato, Milic serve un ottimo pallone in piena area non trovando però Firenze, anticipato all’ultimo secondo.

La prima frazione termina poi con una tegola per Stroppa che al 44′ perde Curado il quale lascia il posto a Sampirisi.

Ripresa che vede partire forte i padroni di casa con il solito velocissimo Gyasi che scappa via sulla corsia di sinistra calciando però solo sull’esterno della rete.

Dopo di che inizia il monologo pitagorico. Gli squali infatti alzano il baricentro e provano a mettere in difficoltà gli avversari. Al 52′ ci prova Milic, ben servito da Simy, ma il suo sinistro viene respinto da Lamanna.

Break dello Spezia al 58′ sempre con Gyasi che si beve la difesa rossoblu, rientra sul destro ma calcia alto. Col passare del tempo i bianconeri si schiacciano ed il Crotone prende maggior fiducia senza tuttavia portare grandi pericoli alla porta di Lamanna, nonostante gli ingressi di Mraz e Kargbo.

Al 75′ poi, lo Spezia avrebbe anche segnato la rete del raddoppio se solo non fosse fuorigioco: tiro di Bartolomei che sbatte sul palo, sulla respinta segna Gyasi ma in posizione di offside.

Dunque i padroni di casa si difendono e ripartono in contropiede e, quando al 79′ entra in campo Bidaoui, ex della gara, ecco che il raddoppio si materializza.
Palla persa in uscita da Marchizza che favorisce la corsa di Gyasi (vera spina nel fianco) il quale si presenta davanti a Cordaz e serve proprio lo stesso Bidaoui che a porta vuota fa 2-0 e chiude il match.

Il resto della gara è ordinaria amministrazione per gli uomini di Marino che gestiscono il risultato, conquistano 3 punti fondamentali e si preparano ai play-off.

Il Crotone invece rimanda la festa salvezza all’ultima gara, quando allo Scida arriverà l’Ascoli già salvo.

TABELLINO:

Spezia – Crotone 2-0 (25′ Galabinov, 81′ Bidaoui)

SPEZIA (4-3-3-): Lamanna; Vignali, Capradossi, Terzi Augello; Bartolomei (dal 69′ Maggiore), Ricci, Mora; Gyasi (dal 90′ Crimi), Galabinov, Da Cruz (dal 79′ Bidaoui). ALL. Marino

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Curado (dal 44′ Sampirisi) Vaisanen, Marchizza; Molina, Zanellato, Barberis, Firenze (dal 76′ Kargbo), Milic; Machach (dal 55′ Mraz), Simy. ALL. Stroppa

Arbitro: Marinelli di Tivoli

Ammoniti: Vaisanen, Milic, Zanellato

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.