Mar. Nov 30th, 2021

Andare al cinema o al ristorante? Sì, se si è vaccinati contro il virus di SARS-CoV-2: la proposta del ministro tedesco

Il mondo intero combatte col virus di SARS-CoV-2 da un anno ormai. Tante le misure adottate dai vari paesi nel tempo per contrastare la diffusione del coronavirus: dai lockdown nazionali, agli obblighi di indossare la mascherina fino al divieto di assembramento. Adesso, però, è iniziata una nuova ‘era’: grazie all’inizio della campagna di vaccinazione si fa sempre più vicino quel momento il mondo intero potrà convivere col virus se non sconfiggerlo del tutto. Tante, però, sono le persone stanche di dover rinunciare alla normalità, così come stanchi sono i proprietari di tutte quelle attività rovinate dalla pandemia, come i locali di ristorazione, ma anche i cinema. Per questo motivo il ministro degli Esteri tedesco Heiko Mass ha lanciato una proposta: “alle persone vaccinate si deve consentire di esercitare di nuovo i diritti di base. Ancora non si è acclarato in forma definitiva fino a che punto i vaccinati possono infettare gli altri. Quello che è chiaro è che una persona vaccinata non toglie il respiratore, necessario per trattare i malati gravi, a nessuno. Questo elimina almeno un motivo centrale per limitare i diritti di base“, ha dichiarato alla Bild am Sonntag.

Ristoranti, teatri, cinema e musei “hanno diritto a riaprire le loro attività a un certo punto, se esiste la possibilità per farlo. E la possibilità c’è se c’è sempre più gente che è vaccinata. Perché se al ristorante o al cinema ci sono solo persone vaccinate, non possono mettersi in pericolo a vicenda. Sì, questo darà luogo a diseguaglianze in un periodo di transizione, ma, se c’è una ragione di fatto, è costituzionalmente giustificabile“, ha concluso Maas.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.