Lun. Giu 17th, 2024

Dal Vangelo secondo Matteo

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Mt 26,14-25

In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città, da un tale, e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».

Parola del Signore!

Il commento di monsignor Piero Romeo, vicario generale della diocesi di Locri Gerace:

Perché Giuda è giunto a tradire Gesù? Perché, lui che ne era discepolo e amico, a un certo punto ha consegnato Gesù ai sommi sacerdoti perché lo eliminassero? Gli evangelisti cercano di dirci qualcosa sul mistero del male abissale in cui giaceva Giuda. Dal contesto dei racconti dei Vangeli ci rendiamo conto che Giuda non ha venduto Gesù per denaro, 30 denari è una piccola somma (la decima parte di un vaso di nardo), 30 denari non avrebbero cambiato la sua vita. Il tradimento di Giuda non è solo infedeltà in un’amicizia, tradimento di un patto di alleanza, non è semplicemente un discepolo che smette di riconoscere il maestro o a un certo punto lo critica; Giuda vuole la distruzione, l’eliminazione di Gesù, e per fare questo ricorre a chi aveva il potere di mandarlo a morte, ottenendo il consenso dei Romani.
Perché Giuda ha fatto questo non possiamo saperlo: forse l’invidia, che può portare a un accecamento tale da volere la morte e la distruzione di un altro, forse un rancore covato dentro, una gelosia, forse il pensiero di non essere stato abbastanza riconosciuto rispetto agli altri…Gesù stava a mensa con i suoi discepoli, è l’ultima sera, ma è anche il primo giorno degli Azzimi. Giuda risponde: «Rabbì, non è che sono io?», lo chiama rabbì e non Signore. Il buio è nel cielo e nel cuore, ma Gesù non si sottrae, ha il coraggio di un eroe e la tenerezza di un innamorato, e anche umanissima paura, dice «uno tra di voi mi consegnerà», eppure continuerà a chiamarlo amico fino alla fine, l’inimicizia è già stata cancellata. Giotto nella “Cattura di Cristo” dipinge il mantello di Giuda: giallo, ampio, in primo piano e che, ricoprendolo, sembra quasi nascondere Gesù completamente. E invece dal mantello di Giuda vediamo uscire il rosso e il blu della veste e del mantello di Gesù, il rosso e il blu sono il simbolo dell’umanità e della divinità di Gesù, così Gesù sta Gesù stava a mensa con i suoi discepoli, è l’ultima sera, ma è anche il primo giorno degli Azzimi. Giuda risponde: «Rabbì, non è che sono io?», lo chiama rabbì e non Signore. Il buio è nel cielo e nel cuore, ma Gesù non si sottrae, ha il coraggio di un eroe e la tenerezza di un innamorato, e anche umanissima paura, dice «uno tra di voi mi consegnerà», eppure continuerà a chiamarlo amico fino alla fine, l’inimicizia è già stata cancellata. Giotto nella “Cattura di Cristo” dipinge il mantello di Giuda: giallo, ampio, in primo piano e che, ricoprendolo, sembra quasi nascondere Gesù completamente. E invece dal mantello di Giuda vediamo uscire il rosso e il blu della veste e del mantello di Gesù, il rosso e il blu sono il simbolo dell’umanità e della divinità di Gesù, così Gesù sta abbracciando Giuda.

Print Friendly, PDF & Email