Dom. Apr 21st, 2024
dav

Lazzaro. L’ANCADIC chiede una maggiore attenzione delle Istituzioni locali sul territorio di Motta San Giovanni. Deposito incontrollato di rifiuti nella piazza stazione ferroviaria di Lazzaro

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’ANCADIC fa seguito alla richiesta d’intervento dello scorso 30 gennaio inoltrata all’Amministrazione comunale di Motta San Giovanni concernente lo smaltimento in discarica autorizzata dei rifiuti depositati in maniera incontrollata nella piazza stazione ferroviaria di Lazzaro, per rappresentare che la situazione igienico sanitaria è decisamente peggiorata.

La  quantità di rifiuti di diversa tipologia, tra cui legno, cartone, materiale plastico,tubazioni per cavi,  ecc depositati in maniera incontrollata nel piazzale stazione ferroviaria lato Nord, è vistosamente aumentata. Tale stato di fatto oltre a determinare un inconveniente igienico sanitario determina fattore di innesco incendio che in tal caso verrebbero interessati dalle fiamme  tra l’altro i veicoli posteggiati a pochi metri negli  spazi ad essi riservati, i cassetti e contenitori enel in pvc, i cavi elettrici intubati in materiale plastico situati su un palo di cemento e altri rifiuti  non meglio identificabili, con conseguenze dannose per l’ambiente, quindi per la salute pubblica, soprattutto per gli abitanti viciniori.

Per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti prodotti  da interventi edilizi  l’ANCADIC  rammenta che per individuare il produttore dei rifiuti e per poter arginare il dilagante fenomeno dello smaltimento illegale dei rifiuti provenienti dalle costruzioni e demolizioni edilizie, oltre a quanto previsto dalla legge nazionale, il Commissario del tempo  delegato per l’emergenza ambientale nel territorio della Regione Calabria, con  Ordinanza  del  3 luglio 2001, n. 1495 ha disposto obbligo di conferimento degli inerti in apposito impianto, condizione per il rilascio di autorizzazioni e/o concessioni Edilizie,condizionando l’efficacia delle autorizzazioni o concessioni edilizie alla presentazione unitamente alla domanda di una relazione tecnica di accompagnamento dell’ istanza contenente la previsione degli inerti prodotti nel corso dei lavori, di una dichiarazione resa con impegno a conferire tutti gli inerti prodotti ad un impianto di trattamento autorizzato.

Tanto si rappresenta nuovamente all’Amministrazione comunale di Motta San Giovanni per i  solerti  accertamenti  e  interventi  di  specifica  competenza,  il tutto a  salvaguardia

dell’ambiente e della salute pubblica, bene  primario che impone piena ed esaustiva tutela.

Resta da ricordare che l’area in questione  ricade in  zona le cui bellezze naturali dei luoghi sono soggetti alla speciale protezione dell’Autorità, ex decreto Ministeriale 10 febbraio 1974.

Vincenzo Crea

Referente unico dell’ANCADIC

e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

Print Friendly, PDF & Email